Swap speculativi con perdite elevate

0
141

Anche questa settimana la rubrica “Derivati Chiari” di Marcello Frisone (Plus 24 – Sole24Ore del 18/5/2013) analizza le criticità dei derivati (scommesse!) propinati da Unicredit ad ignari (e non consenzienti) clienti. L’indubbio vantaggio di essere vittima della finanza d’azzardo di Unicredit e non uno stimato giornalista del Sole24Ore è che per me la Mefin s.r.l. NON è un’azienda che ha “scommesso” contro una banca perdendo, viagra sales NON è un piccolo supermercato parmense che VOLEVA proteggere il suo piccolo affidamento da chissà quali pericoli, cialis sale è UN UOMO.

Un uomo che si chiama Stefano, che nella vita ha dovuto superare come ogni imprenditore mille difficoltà e che, nel suo percorso ad ostacoli che è fare impresa in Italia, si è dovuto scontrare come me con la logica della “creazione di valore per gli azionisti” di “profumata” memoria. Stefano ha sofferto (e molto) ma non si è mai arreso nonostante una sentenza sfavorevole (civile) ha presentato ricorso appello e vuole andare fino in fondo. Stefano NON è un numero di partita iva iscritto alla Camera di Commercio di Parma, Stefano è una delle cinquantamila VITTIME ITALIANE DEL DISASTRO DERIVATI ITALIANO, vittima sacrificale come tutti noi all’altare del PROFITTO AD OGNI COSTO!!!

Piera Levo

Leggi l’articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here